COLONNA VERTEBRALE

· CERVICALE

· DORSALE

· LOMBARE/SACRALE

·  PATOLOGIA

· FISIOKINESITERAPIA

 

 

 

 

       

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ERNIA DEL DISCO

Copyright 2007. All rights reserved. 

Per ulteriori informazioni contattare Dr. Luigi Grosso  - tel. 329.7414588.

This website and its contents may not be reproduced in whole or in part without written permission.     

 

                  Il futuro appartiene a coloro che sanno credere nella grandezza dei loro sogni.                                   

Casella di testo:  
            L’uomo è l’unico essere vertebrato che vive nella stazione eretta. Questa sua distinzione dagli altri esseri viventi che camminano su quattro zampe, gli consente una grande possibilità di movimenti temporo-spaziali ed una vita relazionale non comune. Per consentire all’uomo di mantenere la stazione eretta, la natura gli ha fornito un sistema osseo e cartilagineo di indubbia ingegnosità.
Conosciamo molto bene le VERTEBRE (fig. 1) che costituiscono la COLONNA VERTEBRALE; queste vertebre si suddividono in CERVICALI, DORSALI, LOMBARI e SACRALI.
Fig. 1                                                                      Fig. 2
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
In tutto sono 33-34 vertebre. Forse non tutti sanno che tra una vertebra e l’altra esistono dei “cuscinetti” (una sorta di ammortizzatori) che si chiamano DISCHI INTERVERTEBRALI, questi sono costituiti da uno strato interno acquoso ed elastico avvolto da uno strato esterno spesso e resistente che viene chiamato “FIBROSO”.
 
Qual è l’origine del dolore?
I motivi sono essenzialmente due:
continue sollecitazioni vertebrali di tipo meccanico, assumo il ruolo di stress traumatico di piccola entità che col tempo determinano una lesione del disco intervertebrale che  spostasi  dalla sua sede originaria va ad irritare le strutture nervose che stanno lì vicino (fig. 2)
invecchiamento ed usura di tutta la struttura vertebrale ma soprattutto a carico dei dischi
 
Vi è una ragione precisa della dominanza del dolore nel tratto lombare rispetto agli latri (cervicale e dorsale), infatti questo tratto vertebrale sostiene il peso del corpo maggiormente ed interviene in tutti i movimenti di sollevamento e trasporto di pesi!!!!, al contrario del tratto dorsale che è per lo più immobile.
L’epoca di insorgenza del dolore di tipo discale è fondamentalmente intorno ai 30-35 anni in poi. In età più avanzata si associano anche degenerazioni artrosiche che procurano irrigidimento e curvatura della colonna per cui di solito si assiste al fenomeno – piuttosto simpatico direi – del calo della statura nelle persone più avanzate di età.
 
DOLORE ACUTO
Rappresenta, il più delle volte,il sintomo iniziale di una patologia discale – ERNIA DEL DISCO -, altre volte tale causa scatenante viene oscurata da altre patologie come le contratture muscolari, piccole lacerazioni intorno al disco e così via che sviano l’attenzione del medico al vero problema della sofferenza discale.
Esiste – quasi sempre – un movimento scatenante il dolore. Di solito il paziente cerca una postura (un atteggiamento del proprio corpo) tale che gli procuri sollievo.
 
DOLORE CRONICO
In generale vi sono condizioni favorenti come l’obesità, la gravidanza e l’osteoporosi. Tuttavia queste stesse situazioni incidono anche nel dolore acuto. Molti sostengono che il dolore cronico succeda al dolore acuto perpetuandosi nel tempo; altri considerano che entrano in gioco fattori legati all’età e all’usura.
AL fine di essere maggiormente esaustivo, vale ricordare tutte le forme secondarie a malattie specifiche come:
malattie infettive
malattie metaboliche (diabete mellito-gotta-ecc.)
tumorali (primitive e/o secondarie)
 
UN CONSIGLIO
Ai primi segnali di sofferenza – il classico “colpo della strega” – bisogna tempestivamente indagare sulla reale patologia che lo ha determinato e non fare la cura “fai da te” pensando ad un malessere passeggero.
Infatti sono proprio questi i momento migliori per porre una corretta diagnosi al fine di curare ma, soprattutto, prevenire ulteriori complicazioni che col tempo non consentirebbero più al medico ortopedico di poter curare soltanto con le classiche prescrizioni di farmaci e fisioterapia. 
 
 
Dr. Luigi Grosso