Home Home Pillole di me Pillole di me Spalla Spalla Gomito Gomito Ortopedia Ortopedia Dolore Dolore Video Video Dove lavoro Dove lavoro Prenota la visita Prenota la visita
SALUTE IN SPALLA
Chirurgia e Artroscopia Spalla e Gomito
Dr. Luigi Grosso
Contact: +39 329.741.4588 - luigi.grosso@aol.com
SPALLA Home Page Pillole di me Spalla Gomito Ortopedia Generale Dolore mai più Video Dove Lavoro Prenota la visita
Copyright 1990. All rights reserved.  Per ulteriori informazioni contattare Dr. Luigi Grosso. 329.7414588. This website and its contents may not be reproduced in whole or in part without written permission.                                                               
Dr. luigi grosso iscritto a Medicitalia.it | il motore di ricerca dei medici italiani
Dr. luigi grosso iscritto a Medicitalia.it | il motore di ricerca dei medici italiani
HOME - disclaimer  PILLOLE DI ME - curriculum e ... il mio essere altro ...  SPALLA - anatomia, patologia e terapia delle patologie di spalla  GOMITO - anatomia, patologia e terapia delle patologie di gomito  ORTOPEDIA GENERALE - anatomia, patologia e terapia delle patologie ortopediche  DOLORE - mai più ... si può  VIDEO - canale youtebe e canale luigigrosso   DOVE LAVORO - le sedi della mia attività professionale  PRENOTA LA VISITA - come fare per prenotare una visita
OPERE EDITORIALI DOLORE - MAI PIU' Dr. Luigi Grosso
CLICCA SULLE TABELLE COLORATE
CASI CLINCI VEDI VIDEO continua... Guarda i video su:
IL DOLORE Negli ultimi anni mi sono dedicato allo studio e cura del dolore. Sempre più nella mia attività professionale osservo pazienti affetti da dolore. Il dolore può essere acuto, ricorrente e cronico. Lo Sato Italiano ha recentemente approvato una legge (Legge 15 marzo 2010, n. 38 "Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore"  pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 65 del 19 marzo 2010) che detta norme precise: 1. La presente legge tutela il diritto del cittadino ad accedere alle cure palliative e alla terapia del dolore. 2. È tutelato e garantito, in particolare, l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore da parte del malato ...omiss 3. Per i fini di cui ai commi 1 e 2, le strutture sanitarie che erogano cure palliative e terapia del dolore assicurano un programma        di cura individuale per il malato e per la sua famiglia, nel rispetto dei seguenti princìpi fondamentali:     a) tutela della dignità e dell'autonomia del malato, senza alcuna discriminazione;     b) tutela e promozione della qualità della vita fino al suo termine;     c) adeguato sostegno sanitario e socio-assistenziale della persona malata e della famiglia.
SEGUIMI SU 
ANATOMIA E FISIPATOLOGIA  L’articolazione scapolo-toracica si può definire virtuale poiché non è una vera e propria articolazione ma solo un piano di scorrimento della scapola sul pavimento toracico composto dalle  costole. Tale processo può realizzarsi grazie ad una borsa sierosa (in azzurro nella figura 1) che,  interponendosi tra la scapola e la gabbia toracica, permette lo scivolamento e la rotazione della scapola  affinché accompagni e concorra al movimento di elevazione del braccio.  La funzione di una borsa, in genere, è quella di essere un’ottima interfaccia tra ossa, tendini e  muscoli attigui a un’articolazione. Il suo compito fondamentale è quello di ridurre l'attrito tra le parti  anatomiche facilitando i movimenti articolari. Lo scorrimento della scapola sul piano toracico si realizza  grazie a un coordinamento perfetto e sincronizzato di una serie di muscoli agevolati dalla borsa scapolo  toracica.    ETIOPATOGENESI  La borsite scapolo toracica è piuttosto rara. Le cause possono essere: a) Un uso eccessivo e ripetitivo, con sovraccarico, della spalla; b) Un alterato coordinamento dei muscoli della spalla può essere responsabile di uno sfregamento  anomalo della scapola sulle coste, innescando l’infiammazione della borsa e generare una borsite.  c) Anche se molto raramente, può essere secondaria a fratture costali dell’arco posteriore in  corrispondenza del loro rapporto con la scapola. Può succedere, infatti, che una produzione  eccessiva del callo osseo o un difetto di riparazione, provochi un’increspatura del piano di  scorrimento che si ripercuote sulla borsa determinandone l’infiammazione.  d) Secondaria ad alterazioni del profilo scapolare (esostosi della scapola, ecc.).  e) Altre cause eziopatogenetiche di una borsite scapola toracica possono essere, secondo alcuni  autori, esiti di lussazione della spalla, un’artrite di spalla e perfino una lesione della cuffia dei  rotatori.   SINTOMATOLOGIA  I sintomi possono manifestarsi in modo differente rispetto alla causa iniziale che ha scatenato la  borsite, ma in generale sono rappresentati da: a) Dolore sordo e costante in corrispondenza del margine mediale della scapola.   b) Sensazione di schiocco oppure di un clic; è percepito dai pazienti durante i movimenti di  elevazione del braccio.   c) Sensazione di crepitio, avvertita lungo il bordo inferiore della scapola, quando questa si muove  scivolando sul piano costale.  d) Alcuni pazienti possono sentire uno scatto nella regione scapolare, come se la scapola avesse  superato un rilievo e siffatta sensazione è riferita come qunado accade nella lussazione scapolo  omerale.           DIAGNOSI Inportante è:  l’esame anamnestico i dati clinici   i dati strumentali: a) RX standard e transcapolare della spalla b) TC della scapola c) RM della scapola   TERAPIA MEDICA  1. FANS  sia per dominare il dolore sia per alleviare il disagio avvertito nei movimenti. 2. Iniezione di corticosteroidi nella borsa scapolo-toracica.   3. Trattamento topico con ghiaccio e/o pomate e unguenti,  4. FKT ben pianificata; l’intento è di rafforzare i muscoli del cingolo scapolare e correggere i problemi   di  biomeccanica funzionale.   TERAPIA CHIRURGICA  1. Il trattamento chirurgico è consigliato solo dopo che la terapia farmacologica ha fallito ed è  riservata solo per  quei pazienti in cui il dolore continua a compromettere la loro qualità di vita.   2. Il trattamento chirurgico è indicato di prima scelta solo quando è stata posta diagnosi di anomalia  ossea della scapola e/o modificazione della borsa scapolo toracica e/o dei tessuti contigui.                   FISIOTERAPIA  inizia dopo la prima settimana, ma solo con esercizi di movimento passivo assistiti ed eseguiti da un  fisioterapista. Dopo quattro settimane, il paziente può cominciare il movimento attivo e per tutte le  attività di normale vita quotidiana. Solo dopo circa 3 mesi di FKT  possono essere concesse tutte le altre  attività.