Dr. luigi grosso iscritto a Medicitalia.it | il motore di ricerca dei medici italiani
Dr. luigi grosso iscritto a Medicitalia.it | il motore di ricerca dei medici italiani
SALUTE IN SPALLA Ortopedia e Traumatologia
Dr. LUIGI GROSSO Chirurgia e Artroscopia Spalla e Gomito luigi.grosso@yahoo.it  Mobile (+39) 329.7414588
HOME CURRICULUM SPALLA GOMITO ORTOPEDIA DOLORE VIDEOSURGERY SEDE LAVORO CHIEDI APPUNTAMENTO
Copyright 1990. All rights reserved.  Per ulteriori informazioni contattare Dr. Luigi Grosso. 329.7414588. This website and its contents may not be reproduced in whole or in part without written permission.                                                               
HOME - disclaimer  CURRICULUM  SPALLA - anatomia, patologia e terapia delle patologie di spalla  GOMITO - anatomia, patologia e terapia delle patologie di gomito  ORTOPEDIA GENERALE - anatomia, patologia e terapia delle patologie ortopediche  DOLORE - mai più ... si può  VIDEO - canale youtebe e canale luigigrosso   SEDE DI LAVORO - le sedi della mia attività professionale  CHIEDI UN APPUNTAMENTO - come fare per prenotare una visita Home Page Curriculum Spalla Gomito Ortopedia Generale Dolore Video Sede Lavoro Ciedi Appuntamento Dr. Luigi Grosso
LA FRATTURA DI CLAVICOLA            Anatomia La Clavicola è un osso oblungo, a forma di “S”, che fa parte della regione anatomica della spalla insieme alla scapola e all’omero. E’ sottocutaneo per tutta la sua lunghezza e per questo motivo è facilmente apprezzabile e palpabile.  IMMAGINI ANATOMICHE DELLA CLAVICOLA (COLORATA IN ROSSO)              Solo attraverso la clavicola – come elemento anatomico osseo - l’arto superiore si collega al tronco a livello del manubrio dello sterno e la prima cartilagine costale mediante l’articolazione sterno claveare (S/C); più lateralmente, il collegamento della clavicola alla spalla si crea attraverso con il processo acromiale della scapola mediante l’articolazione acromion claveare (A/C).    Un’altro punto di contatto della spalla con il tronco è un’articolazione virtuale: la scapolo toracica (S/T).  Lungo il suo precorso passa davanti alla prima costola ed è responsabile del profilo estetico della regione laterale del collo.  Oltre la funzione di collegare l’arto superiore al tronco, la Clavicola ha anche quella di proteggere alcuni elementi anatomici importanti: il plesso brachiale, i vasi arteriosi e venosi e l’apice del polmone,  contenuti tutti nella parte laterale bassa del collo. E’ mio personale  parere che la clavicola ricopre un ruolo importante nel contribuire alla fisionomia del collo coadiuvando all’ estetica del viso.  CAUSE  La frattura della clavicola rappresenta il 2,7-5% di tutte le fratture degli adulti e il 45% di tutte le fratture della spalla.  I maschi sono colpiti più delle femmine con un rapporto di 3:1.                Nei bambini, la clavicola è l’osso più sovente fratturato al momento della nascita;  si verifica nell’  1,7% dei parti vaginali e nel 0,6% dei nati vivi; non vi è nessuna differenza tra  maschi e femmine. Vi sono dei  fattori di rischio che riguardano le fratture della clavicola nel nascituro, questi  sono dovuti  a: a) travaglio prolungato b) elevato peso e lunghezza alla nascita c) distocia della spalla d) strumenti utilizzati durante il parto.  Le cause nell’adulto sono: •	Trauma diretto alla spalla (per caduta sulla spalla in laterale - caduta con braccio teso) •	Trauma da attività sportive (sport invernale, sport da contatto, ciclismo, equitazione, ecc.) •	Trauma da incidenti su mezzi di trasporto (bici, moto, auto,ecc.)  Le cause in  pediatria sono: •	Complicazione di presentazione podalica •	Traumatiche dirette  Nei bambini le fratture della clavicola più frequenti sono quelle a legno verde e possono essere complete ed incomplete. Nel neonato si presentano con edema, crepitio e una certa protuberanza dell’osso sia visibile clinicamente sia alla palpazione. L’arto colpito da frattura della clavicola si può manifestare con una riduzione o totale assenza dei movimenti  ed in questi casi è molto importante valutare le complicazioni come la “Paralisi di Erb” (circa 12% dei casi).   Se si escludono le complicazioni, il trattamento consiste solo in una immobilizzazione per  7-14 giorni durante i quali si forma un buon callo osseo che consente un rapido recupero.  Interessante sottolineare che nell’infanzia la frattura della clavicola si verifica per lo più a livello del terzo mediale in circa l’80% dei casi.  CLASSIFICAZIONE Come tutte le fratture ossee, anche quelle della clavicola possono essere suddivise in base allo stato della cute. Si parla infatti di Frattura Chiusa se il tessuto osseo non è esposto (in vista) perché non c’è lesione della cute e di Frattura Aperta se la cute è lesionata ed il tessuto osseo fuoriesce con possibile rischio di infezioni.  La letteratura scientifica propone vari metodi di classificazione delle fratture clavicolari suddividendole in base a differenti criteri, questa la più seguita:                    SINTOMATOLOGIA •	Il dolore è il sintomo predominante e molto spesso è associato a colorazione violacea della cute (ematoma) nella regione clavicolare.   •	Tumefazione, deformità e/o asimmetria della spalla. .  In condizioni di riposo la sintomatologia è pressoché silente, ma il dolore si esacerba appena si cercherà di muovere il braccio;  durante questo movimento si potrà sentire uno scricchiolio dovuto allo sfregamento dei capi della frattura.  Una frattura della clavicola – soprattutto quella del 3° medio - può procurare complicazioni ad altre strutture anatomiche vicino per cui è indispensabile controllare che queste non  siano compromesse o lesionate.   Tale elementi anatomici sono: •	Apparato respiratorio – lesioni del polmone  (pneumotorace, emotorace ) •	Apparato circolatorio – lesione dei vasi succlavi, della vena giugulare interna e dell'arteria ascellare •	Apparato nervoso – lesione del plesso brachiale  DIAGNOSI Formulare una diagnosi di frattura della clavicola non è difficile poiché, essendo ben visibile e facilmente palpabile, può essere identificata anche solo clinicamente.   La palpazione deve essere effettuata con molta cautela per evitare il rischio che durante le manovre si possano procurare  complicazioni neurovascolari.  Esai strumentali: •	radiografia •	ecografia •	TC •	RM •	Ecocolordoppler    TERAPIA Il trattamento conservativo rappresenta la linea di condotta maggiormente adoperata. Solo in alcuni casi è indispensabile il trattamento chirurgico che è subordinato ad alcune peculiari caratteristiche della frattura.  A) TRATTAMENTO CONSERVATIVO Consiste in una immobilizzazione della spalla con un bendaggio  speciale ad “otto”  (B.S.O.) preconfezionato.               La guarigione avviene in circa 3-4 settimane ma è sub judice dello specialista allorquando viene effettuato  il controllo clinico e strumentale (RDX). Il tempo di guarigione può  prolungarsi di 1-2 settimane perché  dipende dalla distanza tra i due monconi.  Dopo aver sistemato il tutore, lo specialista controlla se tutto procede per il meglio il giorno successivo ed una volta a settimana fino a guarigione avvenuta; i controlli sono indispensabili sia per ritensionare il bendaggio, sia perché questo  può provocare abrasione cutanea e parestesie del braccio; questi effetti collaterali sono dovuti alla compressione cutanea esercitata dal bendaggio stesso. Bendaggio funzionale di immobilizzazione – con tecniche diverse -  preparato in pronto soccorso                  B TRATTAMENTO CHIRURGICO  La scelta di optare per il trattamento chirurgico è subordinata principalmente a: •	scomposizione dei frammenti •	frattura esposta •	frattura del 3° distale prossimo alla articolazione acromion-claveare •	frattura comminuta (molti piccli frammenti) •	paziente con molteplici lesioni •	presenza di complicazioni  Quadro sinottico delle tecniche di osteosintesi chirurgica:  •	Fili di Kirschner •	Chiodo intramidollare •	Placca e viti •	Fissatore esterno                COMPLICAZIONI La frattura della clavicola può procurare  delle complicanze che, seppur rare, debbono sempre essere tenute in considerazione  dal chirurgo della spalla. Queste possono sopraggiungere sia quando si sceglie  il trattamento conservativo sia  quando quello chirurgico. Le più frequenti sono: •	Pseudoartrosi  •	Non consolidamento  •	Deformità    •	Infezioni  •	Sindrome dello stretto toracico •	Compressione del plesso brachiale da callo ipertrofico  •	Artrite  acromion claveare (per lo più nelle forme dell’estremo distale)    PROGNOSI Per molto tempo si è ritenuto che il trattamento conservativo fosse la scelta da preferire per le fratture della clavicola, esclusi casi particolari logicamente.  Tale opinione è stata recentemente messa in discussione da diversi studi che riportano come il trattamento conservativo delle fratture di clavicola non sono favorevoli, così come si riteneva, ma procurano una ridotta compliance nei pazienti.  Questi studi hanno rilevato che:  a) Dopo circa sei mesi, più del 40% dei pazienti aveva ancora disturbi e non erano per nulla soddisfatti. Motivo di tale insoddisfazione era un residuo deficit della forza della spalla e diminuita resistenza a impegno muscolare.  b) Il trattamento chirurgico con placca ha dato un aumento significativo della compliance  associato ad un minor rischio di complicazioni come la pseudoartrosi  e mal consolidamento.  Il recupero al lavoro è stato statisticamente più significativo rispetto al trattamento conservativo.    I tempi di guarigione si aggirano intorno alle  4-6 settimane circa e solo dopo questo periodo si può concedere una completa mobilità dell’arto. Nel corso di questo periodo è opportuno un controllo settimanale e, se necessario, anche un controllo radiografico. Durante la convalescenza si consiglia un movimento passivo della spalla facendosi aiutare da un fisioterapista. PATOLOGIA TRAUMATICA
LA SPALLA PATOLOGICA SPALLA DEGENERATIVA Artrosi gleno/omerale (G/O) Artrosi acromion/claveare (A/C) Artrosi sterno/claveare (S/C) Rottura degenerativa della cuffia dei rotatori (Sovraspinoso-Sottospinoso-Sottoscapolare-   Piccolo Rotondo) Calcificazione tendinea SPALLA INFIAMMATORIA Tendinite del capo lungo bicipite Tendinite del capo breve bicipite Tendinite del svraspinoso Tendinite del sottospinoso Tendinite del sottoscapolare Tendinite del piccolo rotondo Borsite Sub-acromiale Borsite Scapolo-Toracica Capsulite o Spalla Congelata Spalla Rigida SPALLA TRAUMATICA-DEGENERATIVA Lesione cuffia dei rotatori Calcificazione tendinea Frattura omero Frattura della clavicola Frattura della scapola Lesione tendinea della cuffia dei rotatori (CDR) Lesione del cercine glenoideo (SLAP) SPALLA INSTABILE Informazioni generali La lassità di spalla Altre lussazioni
LA SPALLA PATOLOGICA
Dr. Luigi Grosso iscritto a Medicitalia.it | il motore di ricerca dei medici italiani
ROTTURA DEI TENDINI  Lesione cuffia dei rotatori